Archivio

Rassegna stampa

E' nato a Mantova nel 1960. Sulla ruota del talento quel giorno è uscita la musica che lo ha incatenato ad un rapporto assoluto e totalizzante oltre che tormentato, crediamo di poter intuire, almeno fino a quando alla maturità espressiva e tecnica, acquisita con precocità rimarchevole, non si è associata quella personale ed umana. Nulla di strano per un artista, il fuoco sacro può bruciare, perché per quanto sacro, di fuoco pur sempre si tratta. Da allora, procediamo sempre per intuizioni, questo rapporto si è fatto pure soddisfacente pur restando totalizzante. Gueresi vive di musica. E' uomo di indole generosa e bizzarra: potrete chiedergli a qualsiasi ora di un qualsiasi giorno dell'anno di accompagnarvi sulla luna o di aiutarvi a raddrizzare, con il solo peso del corpo, la torre di Pisa: vi dirà subito un "certo!" autentico ed immediato. Ma se gli chiedete di prendere un aperitivo dovrete dargli un preavviso di almeno 24 ore, allora estrarrà dalla tasca posteriore un foglio mal piegato che lui chiama, senza ironia alcuna, "agenda" e vi dirà senz'altro di sì...

E' un uomo di simpatia contagiosa e di una allegria ondivaga che si muove su di un fondale di lontana malinconia.

E' un artista e da queste parti tifiamo per lui.

Alessandro Mazzola (Autore e critico letterario)